La storia di Ortòbio di Piovano Giuseppe è la storia di una lunga tradizione familiare legata alla terra.

Siamo agricoltori fin dal 1889, quando il bisnonno Giovanni si è trasferito da Nichelino a Trofarello, nella frazione Madonna di Celle, per coltivare i campi. Una scelta di vita portata avanti da nonno Giuseppe, detto Pinin, che nella piccola azienda di famiglia si è dedicato alla produzione di zucchine, ciliegie, patatine del burro e amarene, affiancando al lavoro di agricoltore quello di allevatore di cavalli, vacche e buoi da tiro, sostituiti dal trattore nel 1959.

Dopo la guerra, papà Franco ha iniziato ad aiutare il nonno nel duro lavoro dei campi e nella vendita all’ingrosso presso i mercati di Moncalieri e Trofarello, dove la frutta e la verdura erano trasportate con carri trainati da cavalli alle 3 del mattino.

In seguito, papà Franco è subentrato alla guida dell’azienda e con l’aiuto di mamma Franca, anche lei di origini contadine, si è dedicato alla produzione di una gamma sempre più vasta di ortaggi, abbandonando l’allevamento per specializzare il lavoro al fine di conservare la competitività.

Papà Franco e mamma Franca hanno trasmesso il forte legame con la terra a loro figlio Giuseppe, che nel corso dell’ultimo anno di studi presso la Facoltà di Scienze e Tecnologie Agrarie dell’Università di Torino ha iniziato ad interessarsi all’agricoltura biologica, decidendo di intraprenderla nel 2001.

Dopo il periodo di conversione previsto dal Reg. CEE 2092/91 (oggi CEE 834/2007), oggi produciamo esclusivamente frutta e verdura biologica certificata dal Consorzio per il Controllo dei Prodotti Biologici di Bologna (CCPB), che vendiamo all’ingrosso presso il Centro Agro Alimentare di Torino (CAAT) e al dettaglio nei mercati settimanali e mensili patrocinati dalla Coldiretti.